Mamma, cos’è la magia del 3 con 3 zeri?

L’altro giorno mi sono ritrovata ad avere un confronto interessante con un amico sull’importanza di avere talento, intelligenza e fattori genetici favorevoli per ottenere quello che vogliamo.

Questo mio amico sosteneva con grande convinzione che, senza queste doti naturali ed innate, non è possibile raggiungere il vero successo ed uscire dall’anonimato. Capirai che per una come me convinta che volere è potere, la posizione del mio amico ha suscitato tanto interesse soprattutto perché eravamo in presenza dei nostri figli.

Infatti mi sono chiesta che tipo di consegne di principi avrei voluto lasciare ai miei due bambini su come individuare e coltivare i propri talenti a sostegno dei propri progetti di vita. La sera mi sono imbattuta nella recensione su alcuni siti di un libro molto interessante che mi appresterò a leggere quanto prima “La trappola del Talento” di Geoffrey Colvin. Tra l’altro avrei piacere di confrontarmi con chi l’ha già letto 🙂

Colvin introduce l’esercizio intenzionale come strumento potentissimo. Dedicare tempo costantemente per un certo periodo ad un’abilità/attività consente di creare delle basi solidissime per costruire e conseguire quei risultati che di norma attribuiamo a doti innate.

Per renderlo comprensibile ai miei bambini mi sono fatta aiutare dal numero magico “3” con 3 zeri = 3000 🙂 un numero che consente di essere straordinari con qualsiasi abilità.

minion3

Cosa rappresenta il numero 3000? Sono le ore totali da dedicare alla pratica di una qualsiasi area della vita (sport, lingue straniere, abilità manuali, conoscenza di una materia, apprendimento di un mestiere, …)

Se per 4 anni dedico ogni giorno almeno 2 ore in questa pratica, pensa fra 4 anni come padroneggerò questo ambito.

E’ chiaro che questo esercizio è duro ….ma funziona! Garantito al 100%!  e se ci fermiamo un attimo ci vengono in mente tanti esempi che rappresentano la prova vivente di tutto ciò: Serhij Bubka, Airton Senna, Tiger Woods, …

A questo punto ti lascio con un quesito:

Dove vuoi essere fra 4 anni? Focalizzati su una o due cose e prendi ora una decisione, bloccala su un pezzo di carta, definisce in quale momento della tua giornata dedicherai il tempo per mettere in pratica la competenza che vuoi accrescere.

Credimi, ne vale la pena! Se vuoi avere una prova dell’efficacia di questo metodo ti propongo di usare un altro numero magico: 30  e di seguire le istruzioni dell’articolo Gestione del Tempo e dei risultati.

…il tempo non ha prezzo! Soprattutto il TUO!

Il potere dello spazio lasciato in bianco

Hai fatto caso a come i nostri occhi sono attratti da quelle pagine ed annunci pubblicitari con poco testo e con tanto spazio intorno? Ci dirigiamo direttamente su queste pagine e le leggiamo incuriositi. E’ un caso o un fatto premeditato a cura dei super esperti di marketing e pubblicità? Conosciamo già la risposta 😉

White-Space

 

Anche nella nostra vita vale lo stesso principio, come mi ha fatto riflettere questo articolo che leggevo questa mattina e che ho deciso di condividere. Mi riferisco alla nostra giornata tipo fittissima di impegni da non lasciarsi neanche il tempo per un respiro, ritrovandosi sistematicamente in arretrato.

Facciamo un passo indietro ed impariamo a costruire in modo più saggio le nostre giornate pianificando tempo indietro quei giorni e quelle fasce orarie da dedicare per ricaricare le pile, prendere un respiro e poter pensare lucidamente ai nostri obiettivi importanti, alla nostra crescita, a quelle decisioni che richiedono calma, riflessione e tempo.

Ecco 4 semplici passi per aiutarci a creare più spazio bianco nelle nostre giornate

1 . Diamo un occhiata seria a come è strutturata la nostra giornata. E’ bella fitta, vera? Non c’è spazio neanche per una pausa di riflessione! Allora che ne dici di programmare del tempo da dedicare a quei progetti importanti che vengono costantemente sacrificati per correre dietro le urgenze? Lavoriamo in anticipo e blocchiamoci dei momenti “bianchi” durante il giorno. Ne guadagneremo qualche minuto di respiro con un impatto enorme sulle prestazioni del resto della giornata .

2 . Non diciamo ” sì” a tutto e sempre, o almeno lasciamo dello spazio bianco anche se per dopo. È necessario creare e pianificare .

3 . Lasciamo tempo alla fine della vostra giornata per la pianificazione e la pulizia. Questo deve essere tempo sacrosanto, consideralo l’appuntamento più importante della giornata e fanne una priorità di ogni singolo giorno. Utilizzare questo tempo per richiamare le cose importanti della giornata, pulire la scrivania, vuota la casella di posta elettronica e, soprattutto , per il piano di domani. In questo modo, ci si potrà concentrare sulle cose e le persone della nostra vita durante il tempo libero senza distrazioni inopportune.

4 . Lasciamo andare il condizionamento psicologico del “fare tutto adesso”! In questo mondo frenetico è un pensiero perpetuo che è tra l’altro molto controproducente . Sembriamo tutti molto impegnati e ci sentiamo importanti nel fare chiamate, correndo a destra e manca. Anche se i nostri appuntamenti, riunioni e attività sono tutti molto importanti, tenere a mente il mantra “se tutto è importante , allora nulla è importante!”

Più bianco spazio significa una migliore qualità nei risultati che produciamo.

Così , la prossima volta che ti rendi conto che non hai avuto un secondo di fermarti e prendere un respiro…chiediti…quanto spazio bianco è nella mia giornata ? Proprio come nella pubblicità … il potere magico è nello spazio bianco !

Come è possibile aggiungere più spazio bianco nella nostra giornata ? Puoi lasciare un commento cliccando qui.

Farlo o non farlo, chiediamolo allo spazzino

Possiamo imparare da chiunque ed in qualunque circostanza anche laddove non ce lo aspettiamo. Sono seriamente convinta che ognuno ha qualcosa da insegnare.

Sarà capitato anche a te che, mentre vivi una situazione, ti ritrovi a cogliere una lezione inaspettata, talvolta di grande valore per te e sbloccare delle situazioni che ti stavano generando qualche tensione o magari preoccupazioni.

Questo deve fornirci lo spunto per essere sempre aperti e lasciarsi sorprendere dalle cose che osserviamo, cogliendo tutte le opportunità di apprendimento che la vita ci offre.

Questa mattina ne parlavo con mio marito e mentre facevo questa riflessione mi è venuto in mente un articolo che ho letto tempo fa appuntandomi qualche spunto interessante per un articolo sull’utilizzo del tempo con saggezza. L’articolo si basava su 4 lezioni che possiamo apprendere dal lavoro di un bravo spazzino o operatore ecologico come direbbe qualcuno togliendo un po’ di poesia ad un nobilissimo mestiere 🙂

Allora, la domanda sorge spontanea, cosa possiamo imparare da uno spazzino in materia di gestione del tempo?

Ecco le 4 semplici lezioni che possiamo utilizzare nella nostra vita, nel nostro lavoro:

  1. Metti un doppio sacco 🙂 Al fine di gestire il tuo tempo in modo efficiente è necessario essere sempre pronti ad imprevisti. Lo spazzino porta sempre con sè sacchi extra …. per ogni evenienza. In caso di dubbio sulla solidità e del sacco o sull’integrità di ciò che sta trasportando provvede subito a rinforzare i sacchi con un nuovo sacco. Quando organizzi il tuo lavoro, pensa al tipo di imprevisto che potresti avere ed attrezzati, potrai così scongiurare enormi perdite di tempo.
  2. Mantieni ad un ritmo costante. Lo spazzino si sa deve fare molta strada, se iniziasse il suo percorso come se fosse alle olimpiadi si stancherebbe più in fretta rischiando di non completare tutto il percorso. Gestire il tempo al meglio non vuol dire muoversi più in fretta, bensì lavorare bene, facendo le cose giuste evitando ricicli ed errori e quindi sprechi di tempo.
  3. Conosci il tuo percorso. Lo spazzino sa bene che percorso deve coprire ogni giorno. Con il tempo ha definito il percorso ottimale per coprire le zone assegnatigli nel minor tempo possibile e spendere il minimo di energia. Ha una mappa 🙂 su carta, mentale. E tu ce l’hai la tua mappa? Dove corri se non sai dove devi arrivare? 😉 Fatti la tua mappa e vedrai che aiuto avrai nel raggiungere la tua destinazione. Non è una banalità.
  4. Prestare attenzione quando si fa il lavoro pesante. Se lo spazzino cerca di alzare troppo o non sollevare correttamente un pacco pesante è certo che si farà male e non sarà in grado di terminare il suo lavoro. Anche tu non puoi fare tutto da solo, non credi?. Quando ti arriva qualcosa di troppo pesante, complesso o lungo, chiedi aiuto, delega ad altri che lo hanno già fatto, spezzalo in pezzi più piccoli in modo da poterli portare a termine con minore stress e fatica.

Non male come lezioni, vero? Ecco una conferma della riflessione che si faceva questa mattina circa la necessità di tenere la mente aperta e ricettiva ed essere sempre disposti ad ascoltare…a vedere come altri hanno trovato soluzioni apparentemente distanti dal nostro mondo per ottenere più risultati nel medesimo tempo.

Del resto il tempo è fatto di 24 ore al giorno e 1400 minuti al giorno. Questo vale per tutti. Perché non prendere in prestito l’esperienza fatta dagli altri?

Se hai voglia, lascia un commento con altre situazioni inaspettate che ti hanno fornito spunti utili per gestire al meglio il tuo tempo, io e gli altri lettori te ne saremo grati.

 

Prima spara, poi prendi la mira

Quante volte ti sei trovato a rinviare qualcosa in attesa del momento giusto, di quel momento perfetto per ottenere il massimo risultato sperato?

Conosco bene quella vocina che ti suggerisce di aspettare il momento giusto per poter fare meglio quando si saranno presentate tutte le condizioni. Questo vale in tutti i campi della nostra vita, per le decisioni più diverse: cambiare lavoro, comprare casa, avviare un’iniziativa, acquisire una nuova conoscenza, dedicarsi ai propri hobby,…

La mia vocina, per esempio, mi ha accompagnato per anni per farmi desistere dall’idea di avere figli subito e di attendere una situazione più consolidata. Sono riuscita a metterla a tacere a 37 anni, che tempestività!!! 😉 ed ho scoperto che non erano necessarie tutte quelle condizioni che mi ero posta per vivere questo evento bellissimo.

Cosa ti dice la tua vocina?
…quando starò meglio finanziariamente
…una volta passata la crisi
…quando avrò perso qualche chilo
…quando avrò terminato questo progetto

Lo sai qual è il risultato certo dell’attesa del momento perfetto? Passare il tuo tempo in attesa di qualcosa o di qualcuno invece che passare del tempo a lavorare per il tuo obiettivo. Converrai che stai sprecando il tuo preziosissimo tempo.

Per fortuna nella storia ci sono stati uomini e donne che non hanno dato retta alla vocina e si sono avventurati subito nella loro idea lasciandoci in eredità scoperte, innovazioni e grandi idee. Grazie alla forza dell’azione l’uomo è stato sulla luna, le nostre case sono dotate di energia elettrica e le nostre vite sono ricche di risorse.

Il momento perfetto è un mito, lasciamolo a chi ha voglia di sprecare il proprio tempo 🙂

Per noi lasciamoci la forza dell’azione malgrado le condizioni imperfette ed i momenti non maturi. Iniziando subito possiamo sempre aggiustare il tiro, fare aggiustamenti su strategia e su traiettoria.

Meglio agire e imparare dagli errori! L’alternativa è non agire mai in attesa delle condizioni perfette. Quindi SPARA subito e dopo PRENDI LA MIRA per aggiustare il tiro.

Fallo oggi e non attendere domani!

Ecco la domanda che non dovresti mai pormi

La settimana scorsa sono finalmente riuscita a parlare con un mio amico che non sentivo da mesi. E’ stata una gran fatica riuscire a parlarci. L’ho inseguito per una settimana intera con sms e messaggi in segreteria. Mi iniziavo a preoccupare.

Finalmente giovedì scorso mi richiama, mi racconta delle sue giornate intense e senza sosta, di quanto stress sta accumulando, della sua sfrenata corsa dietro le scadenze e di quante volte gli capita di cancellare dalla propria agenda attività ancora più importanti riguardanti la sua vita personale. E poi giunge alla fatidica domanda:

Io non ho il tempo neppure per respirare, tu come fai ad incastrare tutto e a non essere in preda ad una crisi di nervi?

Gli ho risposto che tempo fa ho realizzato che il bene più importante dopo la salute è il tempo: risorsa preziosissima che se sprecata non torna più.

Gli ho domandato quanto tempo passasse al lavoro, a leggere i giornali, al telefono con colleghi e clienti, a navigare su Internet, a scrivere e leggere mail, davanti alla TV. Poi gli ho ricordato che mettere in pausa tutto questo aiuta a riflettere e a liberare il tempo per le cose che sono veramente importanti nell’economia di una vita intera, anche a costo di sacrificare qualcosina che ci gratifica nel breve.

Non ho la pretesa di pensare di aver risolto il suo problema, mi auguro solamente che il mio amico abbia potuto riflettere un po’ sul significato del tempo e del suo valore.

A te che leggi questo articolo, se sei tentato di pormi la stessa domanda, ti invito a fermare il tran tran quotidiano per qualche minuto al giorno, meglio se allo stesso orario, e riportare su carta la lista delle attività della giornata distinguendole tra importanti (quelle che rappresentano un investimento per la nostra crescita e per il nostro futuro) e quelle urgenti (quelle che non puoi rimandare). Credimi funziona!

Distinguere tra urgente e importante è una questione essenziale. Come Stephen Covey spiega molto bene nel suo libro “Le 7 Regole per Avere Successo” (che ti consiglio di leggere se non l’hai ancora fatto), la sfida non è quella di gestire il tempo, bensì gestire noi stessi imparando ad organizzarsi ed agire in base alle priorità.

Prendi un foglio, disegna un quadrato e dividilo in quattro parti.

  • Il primo quadrante lo chiameremo URGENTE/IMPORTANTE e ci riporterai quelle attività che richiedono la tua attenzione immediata. Si tratta di attività importanti non pianificate con anticipo che sono ormai diventate urgenti. Si tratta di scadenze, riunioni non rimandabili, telefonate, problemi urgenti, progetti in scadenza, incontri. Queste attività ti provocano stress, stanchezza, scarsa qualità e fanno diventare urgenti altri compiti importanti che avresti fatto successivamente 😉 Ti fanno vivere una vita da pompiere: sempre impegnati nello spegnimento del fuoco!
  • II secondo quadrante lo chiameremo IMPORTANTE e ci riporterai le attività che abbiamo in programma a lungo termine, nelle quali abbiamo investito in ascolto e nei nostri rapporti con gli altri, che ci permette di aumentare le nostre capacità ed i risultati. Pensa a tutte quelle azioni che puoi fare per migliorare in modo significativo la tua vita. Questo è il quadrante della crescita personale sotto diverse dimensioni.
  • Il terzo quadrante lo chiameremo URGENTE e ci riporterai le attività-inganno. Qui potresti passarci la maggior parte del tempo (a volte ritenendo erroneamente che si tratti di attività del Quadrante I), sono di solito le attività che servono per rispondere alle priorità e le aspettative degli altri. Qui ci sono le chiamate, interruzioni, riunioni, e-mail, relazioni,…Prova a pensare: sei presissimo nel fare qualcosa di importante e squilla il telefono. COsa fai? Ti precipi a rispondere? Se la risposta è “sì” hai qualcosa su cui riflettere 🙂
  • Il quarto quadrante lo chiameremo NON URGENTE/NON IMPORTANTE e ci riporterai tutte le forme di spreco di tempo: cazzeggiare, fare gossip, parlare di calcio, pause caffè, chattare su facebook, …

Per organizzare al meglio il tuo tempo prendi la tua agenda settimanale ed inserisci le attività mappate con la seguente precedenza

  • Urgente /Importante;
  • Importante;
  • Urgente
  • Non Urgente e Non Importante.

le ultime due, con un po’ di pratica e di allenamento, dovranno via via sparire dalla tua agenda. Per poter dire di “sì” ad attività importanti (urgenti e non) dobbiamo imparare a  dire “no” a noi stessi e agli altri, ovviamente con dovuto tatto 🙂

 

A questo punto prenditi l’impegno al mattino di:

  • definire quelle due-tre-max quattro attività importanti alle quali dedicarti, almeno una delle quali del quadrante II.
  • delegare le attività meno importanti (attività del quadrante III)
  • cambiare qualche vecchia routine che ti fa sprecare del tempo (attività del quadrante IV)

A metà giornata fai un punto e definisci come procedere per il resto della giornata.

Metti in pratica almeno una cosa di quello che ho suggerito, guadagna del tempo e dedicati alle tue passioni! Se hai già messo in pratica tutto questo ed hai dei suggerimenti ti prego di lasciare un commento a beneficio di coloro che non l’hanno ancora fatto 🙂

…il tempo non ha prezzo! Soprattutto il TUO!